Perché mi piace J.K. Rowling

Perché mi piace J.K. Rowling

Mi decido. Devo proprio parlare di questo argomento che mi appassiona: J.K. Rowling e l’evoluzione che può essere percepita nei suoi ultimi libri. E forse nemmeno si può parlare di evoluzione, perché magari il suo genio è sempre stato lì e doveva solo svelarsi ai miopi.

The Casual Vacancy di J.K. Rowling sarà una serie TV per la BBC

The Casual Vacancy di J.K. Rowling sarà una serie TV per la BBC

J.K. Rowling lo aveva detto a USA Today: il suo ultimo libro, The Casual Vacancy, non si prestava a essere trasformato in un film per il grande schermo. Si tratta infatti di un romanzo basato troppo sul fattore psicologico dei personaggi perché possa essere adattabile per il cinema.

Il seggio vacante di Barry Fairbrother: The Casual Vacancy – J.K. Rowling

Il seggio vacante di Barry Fairbrother: The Casual Vacancy – J.K. Rowling

Oggi recensirò per voi in anteprima un romanzo che ha fatto tanto discutere e ancora lo farà a lungo, ne sono certa. Abbiamo già dedicato a questo romanzo diversi post, in previsione e in occasione della sua uscita nei paesi anglofoni, avvenuta lo scorso 27 settembre. Naturalmente avrete capito che si tratta di The Casual Vacancy, il nuovo romanzo di J.K. Rowling post-Harry Potter, un romanzo per adulti che il 6 dicembre sarà nelle nostre librerie per Salani con il titolo di Il seggio vacante.

The Casual Vacancy: cronaca di un successo (o un flop) annunciato

The Casual Vacancy: cronaca di un successo (o un flop) annunciato

È uscito giovedì. Avvolto da mistero – esattamente come i libri della serie di Harry Potter – The Casual Vacancy, il nuovo romanzo di J.K. Rowling, questa volta dedicato a un target di lettori adulti, è nel mirino dei media. Le aspettative erano altissime – molti sostengono che le vendite supereranno addirittura quelle delle ben note Sfumature quest’anno – e la stampa, che ha ricevuto in anticipo le copie del romanzo crudamente realistico (si parla di droghe e di sesso, di politica e di conflitti di classe ed è pieno di parole che non eravamo abituati a leggere sui romanzi della Rowling, ovvero imprecazioni e parolacce), ha dato pareri contrastanti.