L’immortalità delle serie televisive sui vampiri

L’immortalità delle serie televisive sui vampiri

Sebbene lo sport più diffuso sia impalettarli o proclamarne la definitiva uscita dalle mode del momento, la verità è che dei vampiri non ci si libera: non così facilmente. Al momento all’interno del panorama televisivo, infatti, ci sono ben quattro serie vampiresche che sanciscono la sopraddetta apparente immortalità del genere, del quale certi guru ben informati avevano predetto la morte già parecchio tempo fa.

The hunt – Andrew Fukuda

Partendo dal temibile conte stokeriano e superando l’era di Twilight – in cui schiere di predatori della notte cercano di convivere, più o meno pacificamente, con le loro prede umane, arrivando addirittura a intessere relazioni sentimentali – Andrew Fukuda ribalta tutte le prospettive: niente figure tenebrose da allontanare con aglio e crocifissi e niente relazioni difficili.

Dracula, la serie tv: arriva il temuto conte succhiasangue

Una nuova serie televisiva vampiresca debutterà questo autunno. Non è una serie qualsiasi, poiché riaccenderà i riflettori sul vampiro per antonomasia: il conte Dracula. Il mito del vampiro è ormai da tempo tornato in auge.

Sherlock Holmes e il morbo di Dracula – Stephen Seitz

Dopo il pastiche dall’impronta chiaramente vittoriana che la Gargoyle ha pubblicato poco tempo fa, ecco un altro volume che mescola di nuovo due grandi personaggi della letteratura. Sherlock Holmes si scontra con Dracula in un romanzo divertente, con alcuni punti d’ombra e parecchie luci.