La morte aleggiava nel cielo e all’improvviso si tuffava, piombava dall’alto ad ali spiegate e becco d’acciaio dardeggiante, puntava su quella lunga fila tremante di insetti neri che strisciavano lungo la strada. Tutti si buttavano a terra, le donne si stendevano sui figli per proteggerli con il loro corpo. Quando il fuoco cessava, solchi profondi restavano scavati nella folla, simili a spighe di grano piegate in un giorno di tempesta o ad alberi abbattuti che formano strette e profonde trincee. Dopo pochi istanti di silenzio gemiti e richiami si levavano, si rispondevano, gemiti che nessuno ascoltava, richiami lanciati invano…

Sì. Un film sarà tratto dall’acclamato libro di Irène Némirovsky: “Suite francese”. La Universal ne ha comprato i diritti e il regista Saul Dibb avrà l’arduo compito di rappresentare sul grande schermo una storia nella storia. Lo script sarà invece opera di Ronald Harwood, già sceneggiatore del film Il Pianista.

Sì. In fondo, di questo si tratta. Suite francese è un libro in cui è racchiusa una vicenda personale, un’esperienza veramente vissuta, un piano esistenziale non astruso ma reale. Irène visse quel tempo, quei luoghi, quelle vicende. La storia è, infatti, ambientata nel 1940 durante l’occupazione tedesca in Francia. Irène cominciò a scrivere il libro poco prima di essere deportata ad Auschwitz, ma l’opera non vide mai la parola fine rimanendo incompiuta, perché fu la vita dell’autrice ad avere termine nel 1942 proprio nel famigerato campo di concentramento.

Il libro fu scoperto, quasi mezzo secolo dopo, dai famigliari della scrittrice. Sarà dura trarre un film da un libro acclamato come questo, pennellato di lirismo e poesia, culto della stessa scrittrice (che lo paragonò alla Quinta di Ludwig Van Beethoven), soprattutto considerando il fatto che la storia sarà tagliata, concentrandosi solo sul triangolo suocera-nuora-spasimante, ma noi non disperiamo. D’altronde, tra le pagine del libro come in quelle del futuro film, sarà bello poter scorgere ricordi della vita di Irène e, per poco, farli nostri.

5 Readers Commented

Join discussion
  1. Margherita on 2 Febbraio 2013

    bellissimo libro, le descrizioni e le atmosfere squisitamente romanzesche per me sono state degne di un Balzac o di un Flaubert 😀 Non vedo l’ora esca il film!

  2. Elisabetta Bricca on 4 Febbraio 2013

    Sono assolutamente d’accordo, Margherita. Speriamo che il film renderà giustizia al libro.

  3. Peek-a-booK! on 4 Febbraio 2013

    Libro che ho in wish list e che devo far in modo di leggere al più presto, grazie per la news sul film 😉

    Valentina
    http://www.peekabook.it

  4. Elisabetta Bricca on 4 Febbraio 2013

    Grazie a te, Valentina.

  5. Daisy Dery on 5 Febbraio 2013

    Non lo sapevo! Grazie per la notizia 🙂
    Ora però sono un po’ preoccupata, come sempre quando un libro che mi piace subisce la trasposizione cinematografica. E Suite francese è uno dei libri più belli che abbia mai letto. Speriamo ne esca un bel film, ma soprattutto che consenta a Irène Némirovsky di avere quella celebrità che la sua scrittura merita.

HAVE SOMETHING TO SAY?