La fine del mondo – Edgar Wright

Il trio Wright-Pegg-Frost torna a lavorare insieme per l’ultimo esilarante capitolo della Trilogia del Cornetto, iniziata nel 2004 con L’alba dei morti dementi, proseguita nel 2007 con Hot Fuzz e terminata lo scorso anno proprio con La fine del mondo, il film di cui sto per parlarvi.

Se non conoscete questo bizzarro trittico made in UK, dovete sapere che sono tre pellicole senza nessun tipo di continuità, pensate per prendersi gioco dei generi cinematografici più famosi, rispettivamente horror, azione e fantascienza. Uno degli elementi di congiunzione tra i film è il cornetto Algida, che compare in ogni film con un gusto diverso: ne L’alba dei morti dementi il cornetto è al sapore di fragola, con involucro rosso associato agli elementi sanguinosi del film; in Hot Fuzz è il cornetto blu originale, per indicare l’elemento poliziesco; in La fine del mondo appare quello alla menta con granella di cioccolato, con involucro verde-marrone associato all’elemento fantascientifico.

Sebbene nelle sceneggiature (firmate tutte da Simon Pegg e Edgar Wright) la demenzialità sembri sempre dietro l’angolo, i tre film non possono essere considerate delle semplici parodie di genere, ma sono in realtà commedie spassose che si prendono gioco in maniera arguta degli stilemi e delle esagerazioni proprie di determinate produzioni hollywoodiane. Una ricetta che ha funzionato benissimo nei primi due capitoli e che viene rispettata ne La fine del mondo, esempio prezioso di humour inglese.

la-fine-del-mondo-poster-italianoPrima di dedicarsi al progetto di Ant-Man (trasposizione dell’omonimo fumetto Marvel previsto per il 2015), Wright ha voluto dirigere ancora una volta i suoi amici e ha regalato allo spettatore una prova di ottimo livello in cui mescola i punti di forza della sua regia (uno su tutti le scene con montaggio serrato e quelle d’azione, sempre ottime) con palesi omaggi ai classici della fantascienza e alle commedie cult anni ’80.

Simon Pegg e Nick Frost interpretano questa volta due amici d’infanzia che dopo vent’anni di distacco si rincontrano nella loro cittadina natale per “l’epico” tour dei pub, tentato in gioventù ma terminato prima di raggiungere il leggendario La fine del mondo, ultima tappa del tragitto alcolico. A far loro compagnia gli altri tre amici della vecchia banda: Martin Freeman (anche lui presente in tutte e tre le pellicole), Paddy Considine e Eddie Marsan. Quella che inizia come una serata all’insegna di alcool, amicizia e vecchi dissapori, si trasforma ben presto in una lotta per la sopravvivenza, perché la cittadina nasconde un segreto… galattico.

Come i due film precedenti, La fine del mondo garantisce risate e divertimento. I cultori del genere fantascientifico godranno di tutte le citazioni presenti, mentre tutti gli altri apprezzeranno la comicità intelligente e arguta, l’ottima regia e la notevole qualità recitativa. Unica pecca il doppiaggio italiano, che tende a perdere il tono ebbro, sempre più marcato nelle voci dei protagonisti con l’aumentare di pub visitati e pinte bevute.

A partire dallo scorso gennaio, La fine del mondo è disponibile in home video, distribuito da Universal Pictures. La versione DVD, che ho avuto il piacere di osservare in prima persona, offre allo spettatore una buona esperienza audio visiva, ma i colpi migliori sono appannaggio del Blu-Ray, che vanta il DTS-HD MASTER AUDIO 5.1 per l’audio originale, il DTS DIGITAL SURROUND 5.1 per l’italiano, e una vasta galleria di contenuti extra, con scene eliminate e documentari sul making of della pellicola.

A questo punto la domanda è: perché state ancora leggendo questa recensione? Non avete voglia di raggiungere La fine del mondo?

Titolo originale: The World’s End
Nazione: Gran Bretagna
Uscita Cinematografica: 26 Settembre 2013 (ITA), 23 Agosto 2013 (USA)
Uscita Home Video: Gennaio 2014
Genere: Commedia
Regia: Edgar Wright
Cast: Simon Pegg, Nick Frost, Martin Freeman, Eddie Marsan, Rosamund Pike, Paddy Considine
Sceneggiatura: Edgar Wright, Simon Pegg
Distribuzione: Universal Pictures International Italy

No comments yet.

HAVE SOMETHING TO SAY?