Agorà – Alejandro Amenábar

La sposa della verità

Nel film Agorà, diretto dal regista spagnolo Alejandro Amenábar e uscito in Italia con un anno di ritardo rispetto ad altri paesi per problemi di distribuzione legati al forte dibattito sui contenuti in ambito religioso, l’antica piazza greca non viene rappresentata come un luogo di ritrovo e di dialogo ma come un palcoscenico su cui scontrarsi ferocemente. Il motivo del conflitto non è politico come si potrebbe pensare bensì religioso, e i duellanti si figurano in pagani contro cristiani. 

Siamo ad Alessandria d’Egitto, 391 d.C.: l’impero è sotto la guida di Teodosio I, il cristianesimo è stato dichiarato religione pari delle altre e perciò praticabile in pubblico. Inevitabili sono le tensioni con l’antica religione che lotta per la propria antica superiorità. Mentre questa instabile situazione impazza tra le vie della città di Alessandria, ci viene presentata la figura di Ipazia, filosofa, astronoma e matematica greca dell’epoca nonché insigne insegnante presso la scuola alessandrina.

Il film, infatti, si focalizza sugli ultimi anni della vita della filosofa non avversa al cristianesimo, ma portatrice di un messaggio di tolleranza tra le due religioni e di convivenza fra esse. Ipazia, nonostante sia pagana, è contraria ai metodi violenti adottati dagli appartenenti alla sua stessa religione per contrastare i monoteisti. La sua voce resta inascoltata. La rabbia a lungo repressa dei pagani si scatena contro i cristiani, i quali vengono attaccati a sorpresa durante un mercato senza la possibilità di poter reagire alle violenze, in quanto disarmati. La conseguenza di questo gesto, considerato ignobile da Ipazia che favorendo i dibattiti denunciava qualsiasi forma di brutalità, sarà gravissimo e molto doloroso per quest’ultima: il prefetto infatti, su ordine dell’imperatore, permette ai cristiani oltraggiati di disporre nel modo che ritenevano più giusto della biblioteca d’Alessandria, fulcro principale del sapere del tempo e centro culturale del paganesimo. La più vasta raccolta degli scritti dei migliori intellettuali dell’epoca viene quindi data alle fiamme da fanatici cristiani e la biblioteca viene trasformata in un luogo di mercato. Da questo momento in poi, i cristiani sotto la guida del vescovo Cirillo, più somigliante a un despota che a un vescovo, cominciano ad accrescere il loro numero e in città giungono anche i parabolani, monaci integralisti, dediti alla diffusione della religione attraverso scontri violenti che sfociano spesso in lapidazioni. Si unisce a questo gruppo di estremisti cristiani anche Davo, ex-schiavo di Ipazia, diviso tra l’infatuazione per la filosofa e la speranza nella libertà che il movimento cristiano sembra offrire.

Gli studi di Ipazia nel frattempo continuano soprattutto in campo astronomico; sebbene al tempo fosse accettato solo il sistema tolemaico, la matematica cerca di confermare le teorie eliocentriche accantonate dello scienziato Aristarco. Allo stesso tempo, gli ex-allievi della sua scuola fanno carriera: Sinesio, dopo averla chiamata “madre, sorella, maestra e benefattrice” passa dalla parte del nemico diventando vescovo di Tolemaide mentre Oreste (anch’egli convertitosi al cristianesimo) è stato nominato il nuovo prefetto di Alessandria. Tra Ipazia e quest’ultimo intercorre da sempre un buon rapporto d’amicizia: Oreste, anticamente invaghito dell’insegnante, le chiede sempre consiglio prima di prendere importanti decisioni in ambito anche politico.

Sarà proprio questo legame tra la filosofa pagana e il prefetto il motivo che porterà alla sua morte: per il popolo della Chiesa sarebbe stata proprio Ipazia la causa della mancata riconciliazione tra Oreste e il vescovo Cirillo. I dissidi con il vescovo avevano già precedentemente fatto rischiare la vita a Oreste, il quale era stato colpito al capo con una pietra da un parabolano. Più di una volta entrambi gli ex-allievi cercano di persuadere Ipazia ad accogliere il nuovo credo per farle avere salva la vita e assicurarle un po’ di tranquillità. Per contro la filosofa non acconsentirà mai a convertirsi a una fede che non condivide per trarne benefici personali, anche a costo della propria vita, i suoi principi morali glielo impedivano. Cirillo quindi ingaggia una lotta contro la donna, la cui libertà di pensiero è secondo il vescovo dannosa per la diffusione del cristianesimo, e fomenta contro di lei i parabolani. I monaci dunque si appostano per sorprenderla mentre fa ritorno a casa e una volta catturata, la trascinano all’interno di una chiesa e, strappatele le vesti, si appropinquano a raccogliere le pietre per colpirla. Tra i suoi sicari tuttavia è presente il suo liberto Davo che, incapace di infliggere una morte tanto atroce e brutale alla donna per cui aveva sempre provato un’ammirazione viscerale, decide con il consenso della filosofa di toglierle anticipatamente la vita soffocandola e alleviandole gli strazi della lapidazione.Il regista nel finale sceglie di romanzare ed edulcorare la realtà dei fatti. Si abbandona al sentimentalismo (forse anche per non sconvolgere eccessivamente il pubblico) e da vita a una scena meno cruenta in cui Ipazia muore tra le braccia del suo schiavo e non lapidata e successivamente smembrata come invece accadde. Una donna che si era battuta per diffondere la tolleranza e la libertà di pensiero venne uccisa brutalmente da un gruppo di uomini le cui azioni, sebbene si dichiarassero cristiani, non rispecchiavano assolutamente ciò che era la parola di Cristo. Ma c’è dell’altro. Se Ipazia non fosse stata barbaramente lapidata, si ipotizza che ella sarebbe riuscita a formulare le sue tesi riguardo le teorie eliocentriche di Aristarco precedendo di molto tempo l’uomo che successivamente riuscì a dimostrarle. Dei suoi scritti ormai non rimane più nulla tranne qualche copia; il ricordo di lei ci giunge solo grazie alle testimonianze di altri autori che cercarono di salvare Ipazia da quell’oscuro oblio di menzogne nel quale stava scomparendo. Proprio lei che si dichiarava “sposata alla verità”.

Agorà è un duro atto di accusa contro tutti i fanatismi religiosi e gli estremisti che dipinge anni oscuri nella storia primigenia della Chiesa cristiana, corrotta già allora da uomini che non erano intimamente votati a Dio, ma legati alla posizione ecclesiastica solamente per ricavarne vantaggi privati. Come ha dichiarato lo stesso regista, durante la conferenza stampa che si è tenuta nell’Ara Pacis a Roma in occasione della presentazione del film alla stampa: “Ipazia è la versione femminile di Gesù. Agorà non è un film contro il cristianesimo ma contro tutti i fondamentalisti”.

Avatar Vs Alice

Meglio Pandora o il Paese delle Meraviglie?

Spesso accade che un film venga esageratamente pubblicizzato e che questa propaganda lo porti ad essere considerato migliore rispetto a quello che in realtà il film è. Chi, per esempio, è riuscito a resistere ai mefistofelici capelli arancioni del Cappellaio Matto, ripreso nelle ultime settimane in quasi tutti i giornali? O agli innumerevoli denti dello Stregatto continuamente presenti in tutte le reclame? Ciò spiega il successo al botteghino di Alice in Wonderland, nei nostri schermi dal 3 Marzo scorso, la cui uscita è stata forzatamente aumentata da un impatto mediatico eccessivo.

New Moon – Chris Weitz

Queste gioie violente hanno fini violente. Muoiono nel loro trionfo, come la polvere da sparo e il fuoco, che si consumano al primo bacio…
Romeo e Giulietta, atto II, scena VI