Intervista a Gisella Laterza #2 – Amore, fantasia e attualità

Intervista a Gisella Laterza #2 – Amore, fantasia e attualità

Continua il dialogo con Gisella Laterza, autrice italiana che ha esordito nel 2013 per Rizzoli con Di me diranno che ho ucciso un angelo. Potete leggere la prima parte dell’intervista: QUI.

Intervista a Gisella Laterza #1 – Editoria, scrittura e self-publishing

Intervista a Gisella Laterza #1 – Editoria, scrittura e self-publishing

Sebbene il trend degli esordienti sia tramontato, gli editori continuano a sfornare nuovi “talenti”: più o meno giovani, più o meno bravi. Tuttavia, se si parla di fantastico, le pubblicazioni proposte dalle grandi case editrici tendono a privilegiare interessi commerciali piuttosto che la qualità letteraria.

Volevo solo una vita tranquilla – Intervista ad Anna Talò

Volevo solo una vita tranquilla – Intervista ad Anna Talò

Non bisogna fidarsi delle mie promesse, sebbene pronunciate in buona fede. Ho procrastinato la lettura di Volevo solo una vita tranquilla per settimane, dopo aver incontrato personalmente l’autrice, Anna Talò, a Mantova, parecchi mesi fa. Non è mia intenzione non rispettare le scadenze, ma a causa di un destino infausto che continua a perseguitarmi (insieme alla memoria degna di un pesce rosso) succede. Poi una sera assicuro che leggerò il manoscritto nel week-end, con annessa risposta scettica della mia interlocutrice (e come biasimarla). E invece mi sono letta il romanzo in poche ore, quella stessa notte. Ho cominciato per leggere qualche capitolo, e non mi sono fermata.

Perché i paranormal romance dovrebbero ispirarsi a InuYasha

Perché i paranormal romance dovrebbero ispirarsi a InuYasha

Recentemente, a causa dell’ennesimo suicidio volontario del mio notebook (di cui piango ancora la perdita, sebbene non lo meriti), mi sono decisa a guardare sistematicamente gli episodi dell’anime di InuYasha grazie al mio fedele iPad. È stato amore, e quest’anime è riuscito a debellare la mia temporanea fissazione per la serie di Amelia Peabody di Elizabeth Peters, contribuendo però a crearne un’altra. Stamattina, nel momento in cui ho cominciato a scrivere, ho visto il finale della terza stagione, anche se a differenza delle serie tv americane InuYasha non è affetto dalla sindrome cliffhanger; guardando gli episodi con continuità non ci si accorge del cambio da una stagione all’altra.

Blogger in cerca di (micro) fama

Blogger in cerca di (micro) fama

In quest’epoca in cui la più insignificante delle adolescenti esibisce il suo blog, forse non c’è nulla di più desiderabile di questo: un segreto.
Amélie Nothomb

Nuove meteore editoriali: il New Adult

Nuove meteore editoriali: il New Adult

C’erano una volta i flame, ovvero delle lunghe, lunghissime discussioni a cui soggiace l’istinto atavico che da sempre ha spinto l’uomo ad attaccare, sbranare e distruggere l’avversario. Non preoccupatevi: il filtro della rete impedisce alle persone di farlo fisicamente. Al posto dei pugni e del sangue, volano parole e insulti. Che è circa la stessa cosa. Il flame sembra una cosa brutta, e in verità dovremmo aborrire tale triviale pratica se seguissimo una qualsivoglia condotta di vita morale e onesta, ma in realtà sembra uno show trash, che proprio in virtù delle sue pessime qualità intrattiene goliardicamente il pubblico per ore, o per giorni, ed è impossibile da non apprezzare. Se può tranquillizzarvi, sappiate che c’è sempre qualche utente che compensa le vostre mancanze: dopo pochi minuti pubblicherà qualche perla di saggezza riguardo il quieto vivere, le norme di comportamento, e svariati altri consigli non richiesti. Potete continuare a dormire sogni tranquilli, le persone che scandagliano la vostra anima al posto vostro le trovate a ogni incrocio. E lo fanno gratis!

Donne nemiche

Donne nemiche

Be a lady, not a bitch. Questo lo slogan colorato che campeggia su uno sfondo bianco candido che mi è apparso nella home di facebook, condiviso da una donna, che si presume condivida quanto scritto nell’immagine. (Se ne trovano delle varianti su google immagini, comunque. Giusto per ribadire il concetto).

Successo, disastri e donne: il potere diseducativo della fiction

Successo, disastri e donne: il potere diseducativo della fiction

Miracoli a stelle e strisce, e miracoli possibili grazie alla rete. Anche Uno splendido disastro è uno di questi: primo romanzo del genere New Adult – genere di cui non si sentiva la mancanza – a essere pubblicato in Italia, a cui seguirà a brevissimo Easy (Leggereditore) di Tammara Webber. Jamie McGuire si aggiunge alla moltitudine di autori/autrici esordienti in ambito YA che grandi case editrici americane portano al successo già al loro esordio. Nel dicembre 2012 è stata resa ufficiale la notizia che la Warner Bros ha acquistato i diritti per la trasposizione cinematografica. A pochi giorni dal suo rilascio, anche in Italia è scattato il passaparola, che furoreggia tra le lettrici. La mia domanda è perché? La stessa che riempiva il mio cervello dopo aver constatato il successo di una certa trilogia grigio/nero/rosso. E non cito a caso la James, in questo contesto.

Nasce Speechless Books, contenitore editoriale inaugurato da La bambina senza cuore

Nasce Speechless Books, contenitore editoriale inaugurato da La bambina senza cuore

Da grande vuole fare la scrittrice. È la prima autrice italiana a essere pubblicata con Speechless. È un’appassionata lettrice di fantastico, quello serio, ed è cresciuta con i grandi classici della letteratura mondiale. Si chiama Emanuela Valentini, è romana, e il 14 marzo esordirà con GeMS dopo aver vinto il torneo letterario IoScrittore indetto dal gruppo. E, inoltre, fra qualche settimana vedrà la luce con Speechless Books il suo romanzo La bambina senza cuore, una fiaba dark.

Dora, la seconda moglie

Dora, la seconda moglie

Oggi, nella festività dell’8 marzo, ho scelto di parlarvi di tre femministe, e non nel senso spregiativo del termine. Tre modelli. Donne che amano le donne, e che hanno lottato e, in due casi, continuano a farlo. Un pensiero per “festeggiare” la festa della donna, una festa che ha il sapore del premio di consolazione per una categoria inferiore.