Il segreto della libreria sempre aperta – Robin Sloane
Inizio questa recensione con una precisazione: nonostante il titolo e la copertina dell’edizione italiana, Il segreto della libreria sempre aperta non è un romanzo in stile Dan Brown o Glenn Cooper. Le apparenze potrebbero ingannare, quindi meglio chiarire subito questo aspetto.

Se vi aspettate l’ennesima cospirazione massonica che vuole distruggere il mondo… beh, rimarrete molto delusi. Il romanzo di Robin Sloan è molto più che uno pseudo thriller fanta-storico. Il segreto della libreria sempre aperta è un concentrato di attualità, bibliofilia, tecno-modernità e sociologia.

La storia principale del romanzo parla di un trentenne disoccupato che si imbatte casualmente in una setta secolare che cerca il segreto della vita eterna. Un incipit che ammicca ironicamente ai maggiori successi editoriali degli ultimi anni (mancano solo le 50 sfumature di…), ma che si discosta subito dal sentiero battuto per inerpicarsi su vette di originalità brillante e divertente.

La narrazione è in prima persona dal punto di vista di Clay Jannon, un protagonista credibile e simpatico, che affronta con estrema ironia le vicende descritte nel romanzo. I veri protagonisti de Il segreto della libreria sempre aperta sono, tuttavia, i libri, vittime dello scontro epocale tra editoria tradizionale ed editoria digitale. La battaglia tra l’ottuso tradizionalismo e la modernità è di fatto il tema centrale del romanzo, sviluppato in merito al mondo editoriale ma esteso anche al confronto generazionale tra i lettori pre e post e-book.

Attraverso uno stile intelligente e coinvolgente, Robin Sloane trascina il lettore in un’avventura spassosa, costringendolo a guardare il presente e immaginare il futuro. Il segreto della libreria sempre aperta è una ventata d’aria fresca in un panorama letterario asfissiante e asfissiato. Un libro sui lettori e per i lettori, che si candida a essere uno dei migliori romanzi del 2013. Da leggere.

Titolo Originale: Mr. Penumbra’s 24-Hour Bookstore
Traduzione: Giovanni Arduino
Casa Editrice: Corbaccio
Collana: Narratori Corbaccio
Pagine: 304
Prezzo: € 16,40
Data pubblicazione: 23 maggio 2013

8 Readers Commented

Join discussion
  1. Ludo on 17 luglio 2013

    All’inizio questo libro mi ispirava tantissimo, quando ancora non era uscito e se ne potevano leggere solo delle anticipazioni. Ora più ne sento parlare, meno è la voglia di leggerlo. Purtroppo mi aspettavo qualcosa di completamente diverso.

    • Roberto Gerilli on 17 luglio 2013

      Cosa ti aspettavi? (se posso chiedere)

    • Ludo on 17 luglio 2013

      Non mi aspettavo il dibattito tra digitalizzazione e nuove tecnologie e vecchio sapere, quanto piuttosto una sorta di mystery, e basta.

      Tutto qui. Per questo ora sono un po’ reticente.

    • Roberto Gerilli on 17 luglio 2013

      è un libro che può essere letto a molti più livelli, ma come detto se sei più indirizzato verso libri in stile Dan Brown, diciamo che questo potrebbe non piacerti

    • Ludo on 17 luglio 2013

      Non ho mai letto Dan Brown, comunquer per ora Il mistero della libreria sempre aperta rimane in sospeso.

    • Roberto Gerilli on 18 luglio 2013

      Ho detto Dan Brown per farti un esempio di mistery 😉 Insomma, io l’ho trovato un bellissimo libro, molto fresco e originale, però se cerchi un romanzo mistery “classico” non te lo consiglierei.

  2. annaritaverzola on 17 luglio 2013

    Temevo appunto qualcosa in stile Dan Brown e me ne sono tenuta alla larga fino ad ora, ma la tua recensione ha risvegliato la mia curiosità. Grazie e un bacione, Annarita.

HAVE SOMETHING TO SAY?